Mondrian: niente è come sembra Alla scoperta del programma di divani componibili firmato dal designer francese Jean-Marie Massaud per Poliform

Mondrian - Poliform

Il mio ultimo colpo di fulmine? Mondrian. No, non sto parlando del grande artista olandese verso cui la sottoscritta nutre sì una passione, ma non certo recente. Il Mondrian che ha fatto battere il mio cuore negli ultimi tempi, invece, è un divano. O meglio il programma di divani componibili firmato dal designer francese Jean-Marie Massaud per l’azienda italiana Poliform.

Cosa ha fatto scattare la scintilla? Il design essenziale ed elegante. Ma ad aver trasformato l’innamoramento in qualcosa di più sono la totale flessibilità compositiva e il carattere multifunzionale del progetto. Infatti Mondrian è completamente personalizzabile nelle dimensioni e negli elementi utilizzati. E, soprattutto, è in grado di stupirci con effetti speciali. Sì, sì, avete sentito bene, con questo divano niente è come sembra, e, in men che non si dica, un bracciolo può trasformarsi in una seduta extra e gli schienali possono accogliere un piano d’appoggio.

Insomma, un sofà che racchiude tante funzioni d’uso, rispondendo alla necessità di avere arredi versatili con cui ottimizzare al meglio gli spazi. E che, nello stesso tempo, interpreta quell’esigenza sempre più attuale di vivere la casa in modo flessibile e informale senza rinunciare però allo stile.

Essenziale, elegante, in grado di sorprenderci. Che dire, il ritratto dell’uomo… ehm, del divano perfetto. A questo punto mi sembra arrivato il momento di fare la sua conoscenza, no?

Mondrian - Poliform

 Poliform

Mondrian - Poliform

Poliform

Mondrian - Poliform

Poliform

Mondrian - Poliform

Poliform

Poliform

Allora, cosa ne pensate? La freccia di Cupido ha colpito anche voi?

P.S. Portatemi nella casa che si vede nel catalogo e non chiederò più niente. Promesso.

In collaborazione con Poliform.

Condividi!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on TumblrPin on PinterestShare on LinkedInDigg thisShare on StumbleUponEmail this to someonePrint this page

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *