Il caldo minimalismo di Scandola

Scandola

Legno, texture grezze, lavorazioni artigianali. Ecco il mondo di Scandola Mobili.

Caldo minimalismo. È questo uno dei grandi trend del 2021 nell’interior design. Lo dice il report tendenze 2020 di Pinterest, dove le ricerche di interni in stile minimale (Japandi, soprattutto) hanno registrato una vera e propria impennata. E lo confermano le tante case pubblicate su riviste e blog del settore.

Già, forse come risposta ai tempi complicati che stiamo vivendo, l’imperativo negli interni oggi è quello di semplificare. Una ricerca di semplicità che, però, non si traduce in un minimalismo freddo e asettico. Il minimalismo 2021 è fatto di linee essenziali e colori neutri, ma anche di superfici grezze e materiali naturaliLegnosoprattutto. Un materiale amato per la sua capacità di riconnetterci con la natura.

Se il minimalismo nella sua versione più calda fa pensare subito al mondo scandinavo, in realtà ci sono anche aziende italiane che lo interpretano molto bene. Un nome su tutti: Scandolaazienda veneta specializzata nella progettazione e produzione di arredi in legno di abete.

Scandola

Scandola

Gli arredi in legno di Scandola

In passato associata ad arredi country o dal gusto classico, Scandola negli ultimi anni si è aperta anche allo stile contemporaneo con la linea Maestrale. Una collezione di mobili per la zona giorno e la camera da letto, contraddistinta da linee pulite e texture imperfette, ideale per ricreare quello stile minimale ma caldo oggi così amato.

Non solo. Gli arredi in legno di Scandola raccontano anche un profondo rispetto per l’ambiente. Il legno impiegato dall’azienda proviene solo da aree a rimboschimento controllato. Le tavole di legno sono incollate con colle viniliche senza formaldeide. E i residui di lavorazione vengono tutti riciclati.

Scandola

Scandola

Il legame con la natura nella nuova immagine grafica di Scandola

Per sottolineare ulteriormente il suo legame con la natura, nel 2021 Scandola ha lanciato un nuovo logo e un nuovo pay off, in cui il rapporto con la terra è diventato centrale.

Il pittogramma del nuovo marchio nasce dall’unione del cerchio, simbolo di infinito, e dell’ovale, simbolo di (ri)nascita. Dalla fusione delle due forme deriva l’immagine del seme, elemento primario della vita che, germogliando e crescendo, crea l’albero. Il pay off riassume in una parola i valori dell’azienda. Habitus (dal latino habere) ha, infatti, un doppio significato: quello di apparire/mostrarsi con un certo carattere e quello di abitare.

Scandola

Allora, cosa ne pensate? Siete pronti per abbracciare il caldo minimalismo?

Condividi!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on TumblrPin on PinterestShare on LinkedInDigg thisShare on StumbleUponEmail this to someonePrint this page

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *