Hotel Sanders

sanders hotel, copenhagen
Un nuovo hotel nel cuore di Copenhagen che vi farà sentire come in un teatro.

Riflessione del giorno: non lavoro per l’ufficio turismo di Copenhagen, eppure, dopo avervi parlato nelle ultime due settimane del Vipp Loft e di Nobis Hotel, oggi sono di nuovo qui con un hotel aperto da pochissimo nella capitale danese. A questo punto la domanda è: il mio subconscio mi vuole suggerire qualcosa? Forse Interior Break avverte l’urgenza di fare un viaggio in Danimarca? Probabile. Molto probabile.

Fatta questa personale premessa, veniamo, però, alla mia ultima scoperta. Il mio oggetto dei desideri si chiama Sanders. Ed è un boutique hotel ospitato all’interno di un edificio Art Nouveau, vicino al suggestivo canale di Nyhavn e al Teatro Reale Danese. Ma, come se questo non fosse già di per sé sufficiente, a rendere ancora più interessante il neonato albergo, ci pensano gli interni disegnati dallo studio londinese Lind + Almond. Una successione di ambienti che traggono ispirazione dal teatro e dai viaggi. E dove, una volta varcata la soglia, gli ospiti saranno al centro di una scena estremamente calda e accogliente.

Un mood ottenuto grazie al rilassato mix di stili che unisce classici danesi degli anni ’50 a influenze asiatiche e tocchi eccentrici molto british. E all’utilizzo di materiali e tonalità naturali che vede pareti beige e verde oliva dialogare con arredi in legno e paglia di Vienna (quest’ultima tornata di gran moda negli ultimi tempi), poltrone in pelle marrone, pezzi giallo senape e chandelier in vetro di Murano.

Insomma, un posto intimo e carico di personalità pronto a coccolarci durante il nostro prossimo viaggio a Copenhagen. Beh, sperando che questo momento arrivi presto.

sanders hotel, copenhagen

sanders hotel, copenhagen

sanders hotel, copenhagen

Allora, cosa ne pensate? Vi piacerebbe trascorrere qualche notte al Sanders Hotel?

via Anna Gillar

Condividi!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on TumblrPin on PinterestShare on LinkedInDigg thisShare on StumbleUponEmail this to someonePrint this page

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *