Maison et Objet 2016: ENOstudio Una rassegna di alcune delle novità presentate dal brand francese durante la fiera parigina

Uno dei miei colpi di fulmine di Maison et Objet? L’azienda francese ENOstudio. Un brand che, in realtà, già conoscevo, ma di cui finora avevo avuto modo di toccare con mano soltanto pochi prodotti. La fiera parigina ha colmato questa mancanza, dandomi finalmente la possibilità di un incontro ravvicinato con i loro mobili e complementi. E l’innamoramento è stato immediato.

Tante le novità proposte da ENOstudio, ma, tra tutte, le mie preferite sono… beh, seguitemi per scoprirlo. 😉

enostudio

poltrona Moira – ENOstudio

La poltrona Moira è stata la prima colpevole del mio colpo di fulmine (guardare qui per credere!). E non c’è da stupirsi. Infatti la sottoscritta nutre una vera e propria passione per i mobili dalle forme arrotondate e avvolgenti. Il motivo? Forse perché mi trasmettono una sensazione di calore e di dolcezza. Fatto sta che quando ho visto Moira, la voglia di mangiarla come fosse un dolciume mi ha assalito per un istante.

P. S. Questa è la prima poltrona prodotta da ENOstudio. Speriamo che ne arrivino presto altre. :)

enostudio

lampada Dewy – ENOstudio

La lampada Dewy è stata la seconda ad attrarre il mio sguardo. Una campana di vetro dall’aspetto evanescente che troverebbe un rifugio perfetto nel mio appartamento. :)

enostudio

sedia Juka – ENOstudio

Un altro pezzo che mi piace proprio tanto è la sedia Juka. Linee semplici e design ispirato all’estetica dell’architettura giapponese. Disponibile in diversi colori, tra cui una versione in laccato rosa che mi tenta non poco.

enostudio

carta da parati My Terrazza – ENOstudio

Last but not least, la carta da parati My Terrazza. Una collezione che cita, già nel nome, i pavimenti in terrazzo e che strizza l’occhio a Memphis. Insomma, due riferimenti sufficienti per spingermi ad amarla, no?

Allora, che ne pensate? E, tra questi prodotti, quale preferite?

Per vedere tutte le novità, potete sfogliare il catalogo qui.

Condividi!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on TumblrPin on PinterestShare on LinkedInDigg thisShare on StumbleUponEmail this to someonePrint this page

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *