Tato: rétro e tremendamente chic Le lampade presentate dalla giovane azienda italiana a Euroluce 2017

lampade biba - tato

Biba di Lorenza Bozzoli – Tato

Uno dei brand di illuminazione che mi ha colpito durante Euroluce? Tato, una giovane azienda italiana che propone lampade dal sapore d’altri tempi. O meglio, forme classiche in grado di superare la prova del tempo. Una collezione colta e raffinata, fatta di amore per i materiali, che affianca a pezzi firmati da designer contemporanei come Lorenza Bozzoli e Antonia Astori, edizioni d’autore che derivano dalla ricerca condotta negli archivi di progettisti che hanno segnato la storia del Made in Italy (per il Salone del Mobile 2017, Gio Ponti, Ignazio Gardella, Alberto Rosselli ed Eugenio Gerli).

Tante le novità interessanti presentate da Tato a Euroluce, ma tra tutte le mie preferite sono Biba di Lorenza Bozzoli e Luna del grande Gio Ponti.

lampade biba - tato

Biba di Lorenza Bozzoli – Tato

lampade biba

Biba di Lorenza Bozzoli – Tato

lampade biba

Biba di Lorenza Bozzoli – Tato

Biba è una famiglia di lampade costituite da due o più sfere di diverse dimensioni che si relazionano tra loro come in un gioco planetario. Una forma iconica che si sposa alla perfezione con materiali classici come il vetro soffiato e l’ottone.

Mi piace perché parla rétro e lo fa in modo tremendamente chic.

lampada luna - tato

Luna di Gio Ponti – Tato

lampada luna

Luna di Gio Ponti – Tato

Luna fa parte della collezione dedicata ai maestri del design ed è stata esposta prima d’ora soltanto alla Triennale di Milano, nel 1957, all’interno del Padiglione delle proposte per l’edilizia.

Realizzata in ottone e in materiale plastico, questa lampada è bella e romantica come la luna. Superfluo chiedersi perché ha catturato il mio cuore, no?

Allora, cosa ne pensate? Le lampade di Tato sono riuscite a conquistare anche voi?

Condividi!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on TumblrPin on PinterestShare on LinkedInDigg thisShare on StumbleUponEmail this to someonePrint this page

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *