Fuorisalone Milano 2013 – parte 2: Brera

Fuorisalone 2013

Oggi continuiamo il nostro giro al Fuorisalone e andiamo a Brera. Come ho accennato ieri, la prima tappa della mia giornata è stata la Pelota dove si è tenuta l’esposizione organizzata dagli inglesi di Designjunction. Tanti brand internazionali e designer interessanti. Ed ecco qui i pezzi che mi hanno colpito di più.

Fuorisalone 2013

La storica Love Seat dell’azienda inglese Ercol in una nuova e attualissima veste verde smeraldo.

Fuorisalone 2013

Il candelabro della collezione No Early Birds del designer svedese Per Söderberg.

Fuorisalone 2013

La poltrona Tembo del brand di design danese Nevvvorks.

Fuorisalone 2013

Le lampade Escher sempre di Nevvvorks.

Fuorisalone 2013

L’appendiabiti di All Lovely Stüff.

Fuorisalone 2013

I vasi Transformed di Utopia & Utility, brand fondato dai fratelli Pia e Moritz Wüstenberg.

Questi vasi sono stati il mio colpo di fulmine! Amo il mix di materiali (ceramica, vetro e legno) e l’idea che all’occorrenza possano trasformarsi in ciotole.

Dopo la visita alla Pelota sono stata nello showroom di Moroso per vedere l’allestimento realizzato da Patricia Urquiola. Bellissimo!

E queste sono le due nuove sedute della grande designer spagnola: a sinistra la poltrona Clarissa e a destra la sedia Wishbone.

Il mio giro al Fuorisalone 2013 si conclude qui. Ciao Milano Design Week, ci rivediamo l’anno prossimo!

Foto: Interior Break.

Condividi!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on TumblrPin on PinterestShare on LinkedInDigg thisShare on StumbleUponEmail this to someonePrint this page

Comments

  1. says

    Purtroppo e’ impossibile vedere tutto. Ogni anno riesco a fare solo 2 tappe. Brera la faro’ il prossimo anno. Tra 10 anni forse l’avro’ girato tutto il Fuorisalone ;D

    • forte.alessia says

      Eh sì, ci sono così tante cose da vedere! E in una sola giornata è davvero difficile. L’anno scorso sono stata al Salone del Mobile, quest’anno al Fuorisalone, speriamo che l’anno prossimo potrò stare a Milano un paio di giorni e vedere più cose. E soprattutto con più calma:)

Trackbacks

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *