Bulthaup b Solitaire, la personalizzazione innanzitutto

Bulthaup b Solitaire

L’azienda tedesca Bulthaup lancia una collezione di elementi d’arredo pensata per superare i confini tra gli ambienti della casa.

Multifunzionalità: questa è una delle parole chiave nel mondo dell’arredo contemporaneo. Un’esigenza resa necessaria da case dove i confini tra gli ambienti diventano sempre più liquidi. E che è stata interpretata alla perfezione dall’azienda tedesca Bulthaup nella sua ultima collezione: bulthaup b Solitaire.

La linea bulthaup b Solitaire, infatti, propone elementi di arredo caratterizzati da un’estrema flessibilità e per questo in grado di integrarsi in ogni spazio. A partire dalla piattaforma free standing, modulo base della collezione. Una sorta di scaffale costituito da una struttura in alluminio nero opaco, disponibile in tre dimensioni e con tre diversi top. E dotato di griglie in ghisa o legno e ripiani estraibili in rovere, con o senza alzata in vetro perimetrale.

Insomma, un ventaglio di possibilità davvero infinito che rende questi complementi super personalizzabili. E adatti agli scopi più disparati. Da pratiche dispense o piani di lavoro a divisori da utilizzare tra la cucina e il living o addirittura contenitori per scarpe (purché siano all’altezza di quelle di Carrie Bradshaw, beninteso).

Ma non finisce qui. Infatti, oltre alla piattaforma free standing, Solitaire comprende anche un tavolo e una panca. Il primo con un piano in rovere naturale massiccio sostenuto da una base in alluminio nero opaco. La seconda completamente in rovere naturale, provvista anche di una morbida seduta in pelle. Per una convivialità dove l’innovazione possa sposarsi con la tradizione e il calore del legno.

Bulthaup b Solitaire

Bulthaup b Solitaire

Bulthaup b Solitaire

Bulthaup b Solitaire

Bulthaup b Solitaire

Bulthaup b Solitaire

Allora, cosa pensate? La versatilità di bulthaup b Solitaire ha colpito anche voi?

Condividi!Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on TumblrPin on PinterestShare on LinkedInDigg thisShare on StumbleUponEmail this to someonePrint this page

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *